Hai già inviato il tuo pronostico!
Puoi rivederlo cliccando su
“La tua giocata” qui sotto.

CHIUDI

Parma, ultimo “sigillo” italiano in Coppa Uefa (oggi Europa League)

Mercoledì 29 maggio allo stadio Olimpico di Baku (Azerbaijan) si disputerà una finale di Europa League molto attesa: si affronteranno, infatti, il Chelsea e l’Arsenal, entrambi top team londinesi.

La UEL (Uefa Europa League) è la naturale “trasformazione” del format Coppa Uefa (conosciuta così, dal grande pubblico, fino al 2009).

L’Italia ha conquistato questo trofeo ben 9 volte (di cui 4 “derby” tricolori). Ma nella storia di questa competizione c’è anche la “favola” di un Parma calcio, che ha posto il sigillo sull’evento calcistico paneuropeo per 2 volte.

L’Inter e la Juve, per esempio, l’hanno conquistato in 3 casi e soltanto in 1 ha prevalso il Napoli calcio. L’esame dell’albo della competizione europea dà ancora più valore alle due imprese dei gialloblù.

La prima, il 3 maggio 1995, in un doppio confronto (Parma-Juve 1-0 e Juve-Parma 1-1). Il successo dei “Ducali”, maturerà (con Nevio Scala in panchina) nel segno di Dino Baggio (vice-campione del mondo nella stagione precedente). Il calciatore deciderà la sfida di andata con il tradizionale gol dell'ex (su assist di Gianfranco Zola). Al ritorno (il 17 maggio 1995), sempre Baggio, risponderà (segnando di testa sottorete) al vantaggio di Gianluca Vialli, non consentendo più ai bianconeri di recuperare il risultato.

Quattro anni più tardi, il 12 maggio 1999, il Parma calcio, questa volta guidato da Alberto Malesani, affronterà l’Olympique Marsiglia, vincendo anche in questo caso (con un netto 3-0). I gialloblù vinceranno nella finale (gara unica) di Mosca (stadio Luzhniki) contro la squadra transalpina. Di fatto è anche l’ultimo grande successo made in Italy (considerando le successive finali del format Europa League) di una squadra italiana.

L’argentino Hernán Crespo (attuale tecnico del Club Atlético Banfield) aprirà le marcature a metà primo tempo. Successivamente arriverà il raddoppio di Paolo Vanoli (terzino sinistro). Il terzo ed ultimo gol porterà la “firma” dell’indimenticato Enrico Chiesa.

C’è da sperare che, nella prossima stagione, i club italiani, coinvolti prima nella fase a giorni e poi in quella ad eliminazione diretta, riescano a riscrivere la “storia” vincendo, per la decima volta, l’importante trofeo continentale.

Segui le curiosità e i “quiz” di “Ma quante ne so?” su Football Fun Arena.